Arte: notizie e novità  •  Mostre e fiere

Ritorno alla normalità, o quasi: i musei che riaprono in Italia

Gli ultimi tre mesi sono stati faticosi, e dolorosi, per tutti: mesi di clausura forzata in cui la socialità dei cittadini è stata silenziata in nome di un bene comune che ci porta oggi a festeggiare, finalmente, le riaperture di locali, ristoranti, negozi. E’ il turno ora di gallerie e musei che, lentamente, ricominciano ad accogliere, sempre attenendosi alle disposizioni ministeriali, il proprio amatissimo pubblico. Ecco quindi una lista delle mostre che ci attendono per l’estate 2020.

Raffaello alle Scuderie del Quirinale

In foto: locandina mostra Raffaello, Scuderie del Quirinale, Roma

Per chi se la fosse persa, causa lockdown o liste d’attesa lunghissime, riapre i battenti l’esibizione romana dedicata al genio di Raffaello presso le Scuderie del Quirinale: 120 opere del maestro raccolte per la prima volta in un’unica mostra, un’immersione completa nell’arte di uno dei più celebri artisti rinascimentali. Le regole per poter assistere all’esibizione sono rigorose: misurazione della temperatura all’entrata, obbligo di disinfettarsi le mani, accesso di un gruppo massimo di sei persone ogni 5 minuti.

Gallerie degli Uffizi

Il 3 giugno sono state riaperte le Gallerie degli Uffizi, per la gioia dei fiorentini e degli italiani che sono tornati a circolare per la penisola. Ad ammirare la Nascita di Venere e altri capolavori potranno essere massimo 450 persone, la capienza del museo è infatti stata drasticamente ridotta. Via i biglietti cartacei, ammesse solo prenotazioni online e gruppi di massimo 14 persone distanziate, uno ogni 15 minuti.

Venezia e i suoi musei

In foto: Collezione Peggy Guggenheim, Venezia

Dal 2 giugno Venezia inaugura la riapertura di una delle sue colonne portanti, la Collezione Peggy Guggenheim, solo per due giorni alla settimana, il sabato e la domenica dalle 10 alle 18: ” “Affinché la riapertura sia sostenibile economicamente saremo io e il mio staff ad accogliervi nelle sale del museo e penso questo sia un bell’esercizio di resistenza e resilienza culturale”, quanto affermato dalla direttrice Karole Vail.
Saranno poi nuovamente visitabili le Gallerie dell’Accademia di Venezia e la Fondazione Querini Stampalia con le sue esibizioni temporanee dedicate alla fotografie che hanno immortalato Venezia dal 1860.

Roma e le sue riaperture

Oltre alla mostra su Raffaello alle Scuderie del Quirinale, Roma ha previsto la riapertura di gran parte dei musei della Capitale: oltre alle attrazioni a cielo aperto come i Fori Imperiali e i Mercati di Traiano, si potrà scegliere di trascorrere un pomeriggio al museo dell’Ara Pacis, alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna, ai Musei di Villa Torlonia o al Museo Bilotti. La scelta è vastissima, approfittatene!

Brera e il Cenacolo, Milano

In foto: Museo del Cenacolo Vinciano, Milano

Dovevano tornare a ricevere gli appassionati d’arte, e non solo, il 19 maggio ma, alla fine, i due musei più visitati di Milano hanno dovuto attendere i primi di giugno per riaprire. Stiamo parlando della Pinacoteca di Brera e del Museo del Cenacolo Vinciano, oggi nuovamente visitabili. Lasciatevi incantare dalla celebre Ultima cena leonardiana e da uno dei dipinti più romantici della storia dell’arte, Il bacio di Hayez.

Lasciati ispirare…